Menisco rotto, quali sono i sintomi e cosa fare? (Gratuito)



ATTENZIONE: Devi effettuare il login per vedere questo video.

Descrizione

Menisco rotto, quali sono i sintomi e cosa fare?

Il Menisco rotto e non è una bella cosa, quando arrivano da me dicono “ah beh mi sono solo rotto il menisco!” mi viene freddo, perché il menisco una struttura è assolutamente importante per l’articolazione del ginocchio è un ammortizzatore, è uno stabilizzatore, tiene stretto il ginocchio ed è molte volte insostituibile cioè non si può sostituire quando lo perdiamo.

Il menisco rotto è un trauma, anche qui a meno che abbia le rotture del menisco da usura di persone non giovani non lo prendiamo neanche in considerazione perché una rottura da stress del menisco non è più una rottura ma un’usura è va trattata in modo diverso.

Una rottura traumatica cos’è? è una struttura fatta come una semiluna, una falce ma molto particolare e preziosa come elasticità e come tenuta al carico e subisce delle fissurazioni, crepa oppure si stacca della parete e in quest’ultimo caso si ripara si riattacca.

Quando crepa diciamo la falce e lì si fa molta fatica perché non è vascolarizzata e quindi non riusciamo a riattaccarla, in ogni modo avere il menisco rotto è un dubbio perché c’è dolore, il menisco rotto in genere si manifesta con dolore e gonfiore del ginocchio e vuol dire capire se è veramente rotto e quanto è rotto e se è oppure no da operare.

Esiste la terapia delle lesioni meniscali attualmente conservativa cioè, io cerco di tenere il menisco che ho, se possibile, se non è possibile cerco di toglierne il meno possibile e se ancora si può cerco di ricostruirlo o magari di rimpiantarli o trapiantarli con risultati però questi ultimi un po’ meno brillanti.

Il menisco rotto è dolore, incapacità di movimento, gonfiore e necessità di una diagnosi con l’aiuto della risonanza magnetica.

in collaborazione con:

gvm gruppo villa maria


Durata

03:10