Che cosa è un impianto e a cosa serve? (Gratuito)



ATTENZIONE: Devi effettuare il login per vedere questo video.

Descrizione

Che cosa è un impianto e a cosa serve?

L’impianto è una radice artificiale che viene posizionata, avvitata, nelle ossa della mascella o della mandibola e che serve a varie funzioni ma sopratutto a sostituire uno o più denti mancanti.

Al giorno d’oggi la gamma di utilizzo degli impianti è molto vasta, molto più di come era in passato, oggi noi utilizziamo come prima scelta terapeutica l’implantologia osteointegrata anche per il dente singolo.

Quindi in caso di perdita dente per motivi traumatici, per carie, per motivi endodontici e per tutta una serie di ragioni quando un dente è comunque da estrarre possiamo sostituirlo, dopo un certo tempo o anche immediatamente, con una radice artificiale che viene posizionato nell’osso e sostituisce la radice del dente naturale.

Su questo impianto, quindi immaginiamo una sorta di bit sul quale verrà fatta la corona quindi il dente quello che vediamo nella bocca delle persone, la parte bianca è la corona del dente.

In questo modo L’impianto può sostituire un dente oppure in caso di edentulismi parziali si è mascellari che mandibolari può si può essere utilizzato per sostituire gruppi di denti, un settore ad esempio oppure anche tutti i denti della bocca.

Gli impianti possono anche essere utilizzati per stabilizzare le protesi mobili, quindi con due o quattro impianti e con un trattamento molto poco invasivo è molto semplice a stabilizzare una protesi mobile come la dentiera che a livello mandibolare è sempre un poco incerta come stabilità.

Oggi il numero di impianti che si utilizzano per ricostruzione di arcate complete, rispetto al passato si è sostanzialmente ridotto quindi noi oggi possiamo fare arcarte complete con quattro o sei  impianti e per fare degli impianto occorre avere un quantitativo di osso sufficiente ad accogliere questa radice artificiale che va a sostituire i denti mancanti.

Se non ci fosse abbastanza osso, abbiamo altre possibilità terapeutiche come quella della ricostruzione della base ossea per esempio con degli innesti che possiamo prelevare dal cavo orale per zone piccole e dalle sedi extraorali come la cresta iliaca per esempio quindi l’anca per ricostruire mascellari interi.

Una novità di questi ultimi anni sono la possibilità di avere blocchi ossei customizzati che vengono ordinati espressamente per quel paziente e vengono praticamente fatti su misura quel paziente..

In caso di atofrie cioè in mancanza di osso mascellare superiore quindi la parte alta un’altra soluzione molto interessante che viene eseguita frequentemente è l’utilizzo di impianti zigomatici che sono impianti extra orali che a seconda del livello dell’arcata dentale si ancorano nelle due ossea zigomatiche che è una soluzione per le atrofie estreme per pazienti che hanno molto poco osso.

in collaborazione con:

gvm gruppo villa maria


Durata

04:23

Interventi recenti sul Forum

Nome discussione Autore Scritto il