blog



Quali ecografie si eseguono durante i primi tre mesi di gravidanza

Quali ecografie si eseguono durante i primi tre mesi di gravidanza.

Gli esami dei primi mesi sono fondamentali per individuare la data di concepimento e quindi del parto, ma anche per riscontrare anomalie cromosomiche.

 

Il primo trimestre di gravidanza corrisponde al periodo gestazionale che culmina alla 13^ settimana. Di solito i sintomi più evidenti si presentano a partire dalla sesta-ottava settimana, se si esclude il salto del ciclo mestruale: in particolar modo la vulva appare ingrossata e più soffice; entro la decima settimana aumenta il peso e la dimensione del seno; arrivano le prime nausee e lo stimolo a urinare è sempre più frequente. È un momento fondamentale, che determinerà il proseguo della gravidanza, e durante il quale è bene regolare l’alimentazione ed eliminare abitudini dannose come fumo, alcol e grossi sforzi. Il primo trimestre di gravidanza è il periodo che registra più aborti spontanei.
In un momento di così grande cambiamento è bene che il corpo sia sottoposto agli esami e alle ecografie necessarie per constatare lo stato di salute della mamma e del feto, che alla fine del primo trimestre sarà già formato.

gravidanza extrauterina

Esami ed ecografie nei primi tre mesi di gravidanza

Ecografia di datazione
È un esame che si esegue solitamente durante l’11^ settimana e non oltre la 13^, è non invasivo e riporta immagini più nitide se fatto per via transvaginale e non addominale.
L’esame fornirà innanzitutto informazioni esatte sulla data di concepimento e quindi sulla probabile data del parto; inoltre sarà possibile rilevare:

  • il battito cardiaco del feto;
  • il suo posizionamento nell’utero (accertarsi che non si tratti di una gravidanza extrauterina);
  • la probabilità di parto gemellare.

Translucenza nucale
Consiste nella misurazione dello spessore del tessuto sottocutaneo che si trova sulla nuca del feto, ovvero lo spazio compreso tra la cute e la colonna vertebrale. La misurazione è possibile sempre attraverso le immagini acquisite dall’ecografia di datazione. Maggiore è lo spessore (una misura normale si attesta sui 2,5 millimetri), maggiore è la probabilità che il bambino sia affetto da  Sindrome di Down o trisomia 18. Tuttavia non sempre uno spessore maggiore ai 2,5 millimetri indica obbligatoriamente un disturbo; lo stesso esame ha un’attendibilità del 60-70%.

Bi-test
È un esame complementare alla traslucenza nucale, in grado di confermare la diagnosi di Sindrome di Down espletata precedentemente. Consiste nel prelievo del sangue della madre che permette di dosare due ormoni che sono indicativi della funzione placentare.
Il test è stato ideato inizialmente per individuare una singola malattia, ma col tempo è stata riscontrata l’efficacia anche nel riconoscimento di malformazioni cardiache, scheletriche o del diaframma del feto.
In caso di test positivo, la madre sarà messa di fronte a una scelta importante, dato che sarà attivata un’azione invasiva (villocentesi), un esame cromosomico accurato che potrebbe portare anche alla perdita del bambino.

Complicazioni durante i primi tre mesi di gravidanza

Durante la prima ecografia potrebbero emergere dei problemi, come ad esempio accorgersi che la camera gestazionale (l’ambiente in cui si forma e vive il bambino per nove mesi), è vuota. Il motivo è da far risalire a una disfunzione cromosomica che non ha permesso la formazione del bambino, generando quindi un aborto spontaneo. È bene sempre rifare l’ecografia una settimana dopo, per accertarsi dell’assenza di gravidanza.

Altro problema diffuso è il distacco amniocoriale, che consiste nello scollamento dei due tessuti che formano la placenta, ovvero il sacco amniotico e il sacco coriale; tra questi si accumula del sangue che forma un ematoma. Ciò si manifesta nelle prime settimane di gravidanza: la donna se ne accorge spesso a causa di un sanguinamento lieve di breve durata o con dei crampi nel basso ventre; a volte però si manifesta in maniera asintomatica e lo si scopre durante la prima ecografia.
Il danno non è irreversibile ed è rimediabile attraverso l’assoluto riposo e una cura specifica a base di progesterone.

 

Guarda il video: Quali ecografie si eseguono durante i primi tre mesi della gravidanza

dott depace i primi mesi di gravidanza

 


Nessun commento ancora.

Lascia un commento