blog



Micosi, aumenta il rischio con il caldo

Con l’arrivo della stagione estiva aumentano le micosi cutanee, infezioni provocate da funghi microscopici diffusissimi nell’ambiente.

Il caldo torrido, l’aria aperta ed i luoghi affollati sono tutte condizioni che favoriscono il diffondersi di questi microrganismi.

Ma quali sono le micosi più diffuse?

  • Pityriasis versicolor: è la più frequente. Definita comunemente anche fungo di mare, è causata dalla Malassetia furfur. Si manifesta inizialmente con macchioline rossastre o brune che desquamano trasformandosi in macchie bianche, facilmente riconoscibili durante il periodo estivo poiché esaltate dall’abbronzatura;
  • Tinea pedis o piede d’atleta: è diffusa tra i ragazzi e tra coloro che praticano sport. Colpisce facilmente chi usa scarpe poco traspiranti o frequenta ambienti dove si cammina scalzi (bordi della piscina, bagnasciuga, spogliatoi, doccia della palestra). Si manifesta tra gli spazi delle dita dove la pelle diventa rossa, prude e poi desquama con bruciore e talvolta dolore;
  • Onicomicosi o micosi delle unghie: è causata da differenti tipi di funghi che possono colpire indistintamente le unghie delle mani e dei piedi. Si manifesta attraverso macchie di colore bianco o giallo, inspessimento ed aumento della fragilità dell’unghia colpita.

Le micosi dei bambini

Nel bambino le micosi più frequenti sono:

  • la stomatite da candida (comunemente chiamata mughetto): si manifesta con placche biancastre sulla mucosa orale;
  • la candidosi gluteo-genitale: caratterizzata da chiazze sui genitali con estensione verso glutei e interno cosce;
  • la pitiriasi: si presenta sul tronco, collo e spalle con chiazze di colorito variabile che tendono a desquamarsi;
  • la tigna del cuoio capelluto: si presenta come una o più chiazze tondeggianti del diametro di circa 5-6 cm, ricoperte da squame bianco-grigiastre. Colpisce fino a 10 anni d’età.

Come prevenire le micosi

Prevenire la micosi si può. Occorre innanzitutto adottare un po’ di buon senso curando prima di tutto l’igiene personale. Vestire con abiti in fibre naturali e traspiranti, non usare indumenti, scarpe o asciugamani di altre persone, non camminare scalzi in aree di passaggio comune che siano umide o bagnate, lavarsi almeno una volta al giorno e dopo aver praticato attività sportiva, sono tutte buone abitudini che possono prevenire il rischio di contagio.

Come curare le micosi

Le micosi solitamente vengono trattate con farmaci antimicotici (i più usati sono i derivati imidazolici) che rompono la parete del fungo impedendone la sopravvivenza. La cura prevede l’assunzione di farmaci per bocca o attraverso preparati locali da applicare sulle zone interessate (creme, polveri, spray, tinture nel caso dell’onicomicosi), a seconda dell’estensione della micosi e dalla zona colpita. La cura solitamente dura 2-3 settimane, per evitare la recidiva e può prevedere secondi o terzi cicli di terapia a intervalli di mesi qualora la micosi fosse molto aggressiva.

Scopri tutti i nostri video


Nessun commento ancora.

Lascia un commento