blog



Fumo e prestazione sessuale, cause e consigli

IL FUMO DI SIGARETTA È TRA LE PRINCIPALI CAUSE DELLA MANCATA RIUSCITA DI UNA BUONA PRESTAZIONE SESSUALE.

Fumare è un vizio diffuso su larga scala: le statistiche a oggi attestano che nel mondo il numero di fumatori ha superato il miliardo, e nonostante le ormai sempre più pressanti campagne di sensibilizzazione, il dato resta stabile. Smettere di fumare è un consiglio di prevenzione spassionato, promosso reiteratamente da tutti gli organi sanitari, ormai consci dell’effetto devastante che il fumo può avere sulla vita dell’essere umano.
I problemi causati dal fumo sono molteplici e ormai sotto gli occhi di tutti, dai meno gravi (ma non per questo trascurabili), fino alle conseguenze più drammatiche. Uno di questi riguarda il rapporto tra fumo e prestazione sessuale.

COS’È LA DISFUNZIONE ERETTILE?

L’impotenza maschile, più correttamente denominata disfunzione erettile, è un problema che affligge il 50% degli uomini compresi tra i 40 e i 70 anni. Le cause possono essere molteplici, ma soprattutto in età avanzata, non è da considerarsi un dramma, bensì una questione naturale e fisiologica, anche se resta consigliabile un controllo per accertarsi di non essere affetti da arteriosclerosi.
L’allarme si attiva nel momento in cui la disfunzione erettile si presenta su soggetti al di sotto dell’età sopra descritta. I ricercatori attestano che il 26% delle popolazione mondiale compresa tra i 20 e i 35 anni ne è colpita.
La recidiva mancata erezione durante una prestazione sessuale in giovane età è un segnale preoccupante da non sottovalutare assolutamente. Può essere l’avvisaglia di problemi di salute gravi quali diabete o difficoltà cardiovascolari. Allo stesso tempo le cause possono essere ricercate anche in depressione e stress, nonché complicazioni ormonali.
In età giovanile è anche facile imbattersi in alimentazione sbagliata, droghe, superalcolici e abuso di sigarette. Tutti questi fattori sono dannosi e complici del problema finora trattato.

 

La percentuale più elevata di fumatori tra gli uomini si registra tra i 25 e i 34 anni. In Italia raggiunge il 33%
Fonte : Istat

LE COMPLICAZIONI DEL FUMO

Come detto sopra, una delle ragioni della disfunzione erettile è da individuare in problemi cardiovascolari. Perché?
L’erezione consiste nell’aumento di apporto di sangue arterioso ai corpi cavernosi del pene, i quali tendono progressivamente a rigonfiarsi comprimendo le vene e riducendo il deflusso sanguigno, favorendo l’inturgidimento e l’innalzamento dell’organo sessuale.
Di conseguenza, più sangue affluisce, più l’erezione sarà visibile e duratura, supportata naturalmente dagli input cerebrali che attivano il sistema nervoso.
Come può il fumo interferire in questo processo? Il fumo di sigaretta è vasocostrittore e di conseguenza il sangue trova difficoltà nel raggiungere i corpi cavernosi del pene durante lo stato d’eccitazione, inoltre l’indebolimento dei tessuti erettili, causato sempre dalla sigaretta, comporta grosse difficoltà in termini di prestazione sessuale. Altra complicazione dovuta al fumo, è il dimezzamento della produzione di ossido nitrico (NO), principale mediatore del rilasciamento delle cellule muscolari del pene.
Queste anomalie fisiche e circolatorie colpiscono il 95% dei fumatori che abitualmente accendono più di dieci sigarette al giorno. E non sono esenti da ciò coloro che per sventura sono soggetti frequentemente a fumo passivo.

Consigli

Tutto ciò causa una mancata o una parziale erezione non soddisfacente ai fini di un rapporto completo, con conseguenti stati di frustrazione e impotenza, oltre che fisica, anche mentale.
Durante l’approccio all’atto sessuale, di fronte a queste difficoltà, si fatica a comprendere lo sfortunato evento, soprattutto se si è certi del trasporto emozionale e dell’eccitamento che si sta provando in quel momento. In verità tutto funziona perfettamente: il cervello ha recepito lo stimolo, lo ha correttamente trasmesso al sistema nervoso, le arterie hanno ricevuto il messaggio, ma il sangue non riesce a confluire come dovrebbe.
In tali situazioni, di grande rilevanza intima e personale, prima di preoccuparsi e accertarsi di aver a che fare con un disturbo fisico o psicologico, prima di rovinare una relazione sentimentale e minare la propria autostima, è bene chiedersi se è arrivato il momento di spegnere la sigaretta e riaccendere la propria vita sessuale.

Vuoi sapere di più? Guarda tutti i video su Buongiornodottore.it


Nessun commento ancora.

Lascia un commento