blog



Fitoterapia e insonnia

A chi non è mai capitato di svegliarsi dopo aver dormito poco o male? Stress, ansia, ma anche il cambio di stagione e tante altre ragioni, minacciano quotidianamente la qualità e la quantità del nostro sonno, con conseguenze inevitabili sul modo in cui affrontiamo la giornata.

Mai trascurare il sonno

Tutto questo non dovrebbe sorprenderci: dormire è un bisogno primario, così come mangiare e bere. Allo stesso modo degli altri bisogni primari, è un aspetto fondamentale per ricaricare le pile e mantenersi in salute.

Per le ragioni sopra citate, sono molte le persone che si recano in farmacia, o dal medico, per trovare un rimedio in grado di risolvere il problema. Tuttavia, il ricorso ai farmaci non è sempre la soluzione migliore; barbiturici o altri farmaci in grado di indurre il sonno vanno considerati solo come ultima alternativa.

Affrontare l’insonnia attraverso la fitoterapia

L’insonnia che potremmo definire “minore”, ovvero la più comune, può essere affrontata in altro modo, per esempio adottando uno stile di vita più regolare, una dieta appropriata, scegliendo il materasso e il cuscino più adatti e, se questi provvedimenti non sono sufficienti, ricorrendo alla fitoterapia.

Sono molti i prodotti fitoterapici disponibili in farmacia, ovvero prodotti o estratti naturali che ci aiutano a preservare il benessere psicofisico. Molti di questi ci forniscono un valido aiuto grazie alle proprie qualità calmanti e rilassanti.

 

Ecco alcuni esempi in grado di accompagnarci verso una buona notte:

Biancospino (Crataegusmonogyna, C. oxyacantha)

Il biancospino è spesso utilizzato per le sue proprietà benefiche al livello dell’apparato cardiovascolare, ma anche come pianta rilassante.

Passiflora (Passiflora incarnata)

La passiflora è una pianta officinale il cui infuso può essere molto utile per favorire il riposo ed il rilassamento

Camomilla (Chamomillarecutita)

Si tratta forse del calmante naturale più diffuso, un valido aiuto per raggiungere un sonno profondo e ristoratore. Tuttavia, per utilizzarla al meglio, occorre rispettare il giusto tempo di infusione (un minuto o meno).

Escolzia(Eschscholtziacalifornica)

L’Escoliziaè in grado di migliorare la qualità del sonno attraverso un’azione distensiva a livello gastro-intestinale.

Melissa (Melissa officinalis)

Come l’escolizia, i preparati a base di melissa hanno un’azione rilassante e distensiva.Il loro uso è quindi particolarmente indicato in presenza di insonnia causata da stanchezza eccessiva, nervosismo e tachicardia.

Valeriana

Molti l’avrannogià conosciuta a pranzo o a cena, ma non tutti sanno che la valeriana è in grado di ridurre i tempi necessari all’assopimento, inducendo un sano sonno fisiologico.

Luppolo (Humuluslupulus)

Il luppolo ha qualità sedative e calmanti che lo rendono un ottimo rimedio contro la tensione, l’irrequietezza e conseguenti disturbi del sonno.

Beh, ora che avete terminato la lettura dell’articolo, vi resta solo che equipaggiarvi di tisane e trascorrere una buona e serena notte!


Nessun commento ancora.

Lascia un commento