blog



Disturbi Specifici dell’Apprendimento pericoli e soluzioni

COMPRENDERE TUTTI I DISTURBI SPECIFICI DELL’APPRENDIMENTO È FONDAMENTALE PER INDIVIDUARE CORRETTAMENTE POSSIBILI CASI DI DSA.

Le percentuali di bambini affetti da DSA (disturbi specifici dell’apprendimento), sono cresciute dal 0,7% al 2,1% negli ultimi anni sul territorio italiano. Gli esperti si dividono tra chi crede che i dati siano gonfiati dal pressapochismo con il quale viene diagnosticato il problema, e chi invece crede addirittura che la percentuale possa essere ben più alta, dato che in alcune regioni italiane il tema viene sottovalutato da organi scolastici e medici.

Cosa è la DSA – Disturbi Specifici dell’Apprendimento

Si tratta di deficit dell’apprendimento che riguardano i bambini e si rivelano durante i loro primi anni di scuola elementare.
Nel dettaglio i disturbi riscontrabili, e non obbligatoriamente correlati tra loro sono:
 

  • DISLESSIA
  • DISORTOGRAFIA
  • DISGRAFIA
  • DISCALCULIA

Dislessia: disturbo della lettura

È rilevata in bambini che incontrano grosse difficoltà durante la lettura, sia ad alta che a bassa voce. La lettura è lenta, innaturalmente spezzata, e di conseguenza porta alla parziale o totale incomprensione del testo.
Il bambino dislessico, per leggere bene e comprendere, deve concentrarsi pienamente e spendere molte energie; una mole di attenzione troppo grande, che porta a un rapido esaurimento delle risorse, cosicché il bambino, stremato e infiacchito dallo sforzo, non riesce più a seguire, non apprende, mostrandosi distratto e svogliato agli occhi della classe e degli insegnanti.

Disortografia: disturbo della grafia

Si evidenzia nell’atto pratico della scrittura, manifestandosi nell’incapacità di riprodurre graficamente i fonemi che compongono una parola. Questo causa una serie di errori come:
sostituzione o inversione delle lettere all’interno di un termine, mancata separazione tra le parole, errata applicazione delle regole ortografiche.
Ciò comporterà una notevole difficoltà da parte del bambino nel ricopiare un testo dalla lavagna, peccando in ritmo e velocità scrittoria.

Disgrafia: disturbo della scrittura

Correlata alla disortografia è la disgrafia, che riguarda l’aspetto prettamente motorio della scrittura.
La cattiva gestione degli spazi all’interno del foglio, l’errata impugnatura della penna e la marcata pressione del tratto (fino a bucare la pagina), sono gli aspetti più rilevanti che caratterizzano un problema di disgrafia.

Discalculia: disturbo del calcolo numerico

Unitamente alle difficoltà sintattiche e ortografiche, si presentano problemi anche a livello numerico e di calcolo.
Il bambino che soffre di discalculia fa fatica a riconoscere i numeri, invertendoli e non concependo il concetto di quantità che essi rappresentano, di conseguenza ha difficoltà nel calcolo e nel riconoscimento dei segni di addizione e sottrazione, non comprende le regole di riporto, non è in grado di mettere i numeri in colonna, così come non può enunciare un conto alla rovescia. Le tabelline, incubo per molti giovani studenti non avvezzi alla matematica, nei casi di discalculia diventano un monolite incomprensibile, e quindi non memorizzabile.

Chi ne è affetto?

Tutti i disturbi di apprendimento elencati sono da attribuirsi a un bambino affetto da DSA se questo è dotato di normale intelligenza e non presenta alcun tipo di danno neurologico.
I quattro diversi casi sopra spiegati possono presentarsi nella vita del ragazzino singolarmente o legati tra loro:

  • Dislessia e disortografia 60%
  • Dislessia e disgrafia 43%
  • Dislessia e discalculia 44%
  • Questi dati suggeriscono un approccio al problema non univoco, bensì differenziato e personalizzato a seconda delle combinazioni.
    Ciò che è certa è invece l’ereditarietà e l’origine neurobiologica, in quanto risulta che nel 65% dei casi la DSA è riscontrabile in componenti della stessa famiglia.

    I Pericoli

    Il bambino affetto da DSA è un individuo pienamente autosufficiente, dotato di una normale intelligenza e nella maggior parte dei casi incline alla creatività e alla sensibilità.
    Le difficoltà e gli insuccessi derivati dai disturbi di apprendimento sono spesso causa di frustrazione e calo dell’autostima, provocando di conseguenza un rifiuto verso lo studio, un precoce allontanamento dai propri sogni di realizzazione futura, e pertanto un desolante spreco delle proprie potenzialità.
    Il ruolo dei genitori e degli insegnanti è fondamentale, in quanto devono essere loro i primi a captare il problema e ricorrere immediatamente ai ripari affinché il bambino non venga isolato nel suo percorso di apprendimento.
    Individuare un alunno affetto da DSA non è mai scontato, in quanto si può spesso inciampare in alunni ingiustificatamente troppo pigri e svogliati senza alcuna difficoltà di apprendimento, e viceversa può accadere di additare uno scolaro di scarso impegno e attenzione non identificando e trascurando un caso di dislessia.

    Soluzioni

    Per assicurarsi è bene rivolgersi a un’equipe di specialisti formata da personalità quali: psicologici e logopedisti. A questi va affiancato un percorso scolastico specifico e personalizzato, diretto da una figura di sostegno, che punti a premiare e sottolineare i progressi che man mano porteranno il bambino ad acquisire piene potenzialità cognitive, scrittorie e oratorie, affinché esso possa ripartire e apprendere alla stessa velocità dei propri compagni di classe.

    Consigli

    La DSA va individuata e curata durante il periodo scolastico primario, in quanto con il passare del tempo, l’avanzamento del normale programma didattico e le esperienze negative che scaturiscono dai disturbi di apprendimento, rendono complicato e prolisso il superamento di tutti gli ostacoli, dilatando ancor di più i tempi se la questione viene affrontata in età adulta.

    Vuoi sapere di più? Guarda tutti i video su Buongiornodottore.it


    Nessun commento ancora.

    Lascia un commento